Adelfia, la sua storia e i suoi borghi #MyLittleLand

Adelfia e i suoi borghi : Canneto e Montrone

Chi conosce la storia della mia piccola perla del Sud? 3…2…1…

Ok! Dopo una settimana di dettagli, scorci, porte dallo stile #shabby su Instagram è arrivato il momento di parlarne.
Adelfia come recita Wikipedia “è un comune italiano di 17.101 abitanti della città metropolitana di Bari, in Puglia“.

Apparentemente semplice come descrizione ma difficile da capirne la sua struttura e la sua storia.

Tutto ha inizio nel 1927 quando tra Washington e New York viene effettuata la prima trasmissione televisiva via cavo, con riprese dal vivo; il fisico Werner Karl Heisenberg formula il Principio di Interminazione; tra Stati Uniti e Gran Bretagna viene istituito il primo servizio telefonico transatlantico; la Turchia adotta il calendario gregoriano; il re Vittorio Emanuele III sancisce, senza chiederne consenso cittadino, l’unione dei due comuni Montrone e Canneto sotto il nome di Adelfia, dal greco “Adelphos” che significa fratelli.

Per una semplice questione di spending review dell’epoca i due comuni, non distanti l’uno dall’altro e che conservano differenze marcate sotto il profilo delle tradizioni e del dialetto, sono stati costretti ad accettare la convivenza rendendo difficoltosa la nascita di un’identità unitaria.

Quando ero piccola, mi riferisco agli anni ’90, vivevo, inconsapevolmente, una specie di “dualismo cittadino” con frasi: “Io vado a scuola a Canneto” “Io vado al catechismo a Montrone” “A Canneto ci sono bei ragazzi” “Oggi il mercato è a Montrone” “Quella bancarella va solo al mercato di Canneto e no a quello di Montrone!” “A Canneto abbiamo il parco” “A Montrone c’è una grande piazza”

A questo si aggiungevano le raccomandazioni di #mammachiara: –“Per favore non andare a Montrone perché è pericoloso!“
All’epoca mi sentivo confusa e un po’ come Giacomo Leopardi nell’Infinito con la forte tentazione di guardare oltre quella siepe. A differenza sua, però, io e le mie amiche andavamo di nascosto a scoprire questo nuovo mondo che di pericoloso aveva solo l’idea ma in pratica identico a Canneto.

Oggi Adelfia continua ad essere rinomata per la festa di San Trifone, che vi ho raccontato nell’articolo #evvivasantrifone, per il suo vino Maccone e per la sua uva da tavola (la mia famiglia ne è produttore). E’ un paese timido con due borghi antichi che possono regalarvi dettagli interessanti come quelli che ho cercato di cogliere in questa galleria fotografica “Adelfia #MyLittleLand”.

Consiglio di #ridieassapori
Visitate Adelfia e i suoi borghi
!
– Evitate di urlare alla “controra”, ovvero nelle prime ore del pomeriggio, perché al sud queste ore sono destinate al riposo, alla possibilità di riflettere e di lasciarsi andare all’otium. 😉

Salva

Cesy83

Dal volontariato alla progettazione, dal marketing/comunicazione ai social media: sono amante delle nuove tecnologie con la voglia di accrescere le mie conoscenze e competenze nell'ambito della Social Media Strategy. Dopo la vincita del contest #MyPugliaExperience, organizzato da Viaggiare in Puglia e Cts Viaggi, ho creato un Experience Blog www.ridieassapori.it con l'intento di esprimere e valorizzare il mio interesse e amore per il territorio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *